Banca dati del Museo ebraico di Merano

 

 

22-Sanatorium 2.jpg

Link alla banca dati del Museo ebraico di Merano

Purim 19230001.JPG

Festa di Purim all' Hotel Bellaria negli anni 20

Al momento la banca dati della comunità dispone di più di 5.000 notizie riguardanti ebrei nell'arco di 150 anni. Arrivarono a Merano e in Sudtirolo trasferendosi da diverse località estere, iniziando qui attività alberghiere, bancarie, mediche e commerciali. Diversi ebrei vennero a curarsi a Merano, come per esempio Markus Krys o le sorelle Popelik, e dopo la loro guarigione completa nel Sanatorio ebraico decisero di trasferirsi a Merano. Durante il periodo nazista Markus Krys e l sorelle Popelik vennero deportati in vari campi di concentramento e assassinati. 

Da Vienna diversi medici ebrei si sono trasferiti a Merano perché a Vienna per motivi antisemitici era difficile per loro esercitare la professione. Dai paesi dell'Est si trasferirono a Merano molti ebrei scappati da violenze e assalti nei loro confronti. Famiglie benestanti villeggiavano a Merano per il clima mite meridionale e per la vicinanza della cultura italiana.

Nel 1938 le leggi razziali hanno cambiato completamente la vita degli ebrei residenti in regione e anche la vita degli ebrei rifugiati in regione in fuga dalla Germania e Austria naziste. Le leggi razziali hanno legittimato i furti di appartamenti, mobili, oggetti di valore, negozi e ville e le espulsioni della grande maggioranza degli ebrei. Come in Germania e in Austria la popolazione non-ebrea di lingua tedesca e italiana non aveva nessun scrupolo ad approfittarsi delle proprietà ebraiche e a denunciare gli ebrei. Ancora oggi non si parla di queste appropriazioni indebite.

In quel periodo sia la chiesa cattolica che la chiesa evangelica non hanno fatto niente per aiutare la popolazione ebraica. Dopo l'arrivo della Gestapo, della SS e del SD nell'Altro Adige nel settembre del 1943 la comunità ebraica è stata sterminata.

Link al libro commemorativo della comunità ebraica di Merano di Sabine Mayr e Joachim Innerhofer:

Quando la patria uccide. Storie ritrovate di famiglie ebraiche in Alto Adige
Edition Raetia, Bozen/Bolzano, 2016,
24,90 EUR

Mörderische Heimat. Verdrängte Lebensgeschichten jüdischer Familien in Bozen und Meran
Edition Raetia, Bozen, 2015,
24,90 EUR

 

Quando la patria uccide_Cover_5cm.jpg